lunedì 8 ottobre 2012

Pensieri sparsi

C'e' che qualche volta mi piacerebbe lavorare in una biblioteca, libreria, avere il problema di leggere libri e consigliarne ai clienti.
 Oppure di vendere un vestito, niente di piu'.
Non di tornare a casa distrutta, dopo aver cercato di risolvere i problemi del mondo e di sentirmi distrutta dentro e fuori.
Grazie alla tecnologia tutti pensano di poter fare tutto e di esigere tutto. Quello che io semplicemente chiedo - e voglio insegnarvi- è rispetto per chi sta dall'altra parte. Bastano poche cose: salutare, essere educati, spiegarsi e pensare che anche il commesso desidera andare a casa la sera. Quindi, anche il rispettare gli orari di apertura e chiusura sono fondamentali.
E poi gli amici: io finito di lavorare non ho molta voglia di parlare del mio lavoro. Un consiglio te lo do volentieri, ma non posso imbastirci tutta una serata. Passa a trovarmi in negozio...
Si stanno avvicinando le ferie ma sono troppo stanca, nemmeno l'idea di andare a Londra riesce a galvanizzarmi.
Grave, molto grave...

20 commenti:

  1. pensa, avrei potuto scriverlo io, parola per parola, ti abbraccio :)

    RispondiElimina
  2. Guarda, se fossi lì ti stamperei un bel bacio sulla fronte!
    Deve essere il periodo, siamo in tanti a sentirci così avviliti e stanchi...
    Sono sicura che passerà! ;)

    RispondiElimina
  3. dai dai un po di pazienza e qualche giorno a Londra sono sicura ti rimetta in forze (almeno mentali!) a proposito a giorni devo passare in negozio per sviluppare le foto fatte con la subacquea...ma giuro che entro, saluto e sarò cordiale :)!

    buona giornata!!

    RispondiElimina
  4. Ricordiamoci che il cliente non ha sempre ragione.. :)

    Complimenti per il blog!

    RispondiElimina
  5. Lavoro a contatto col pubblico e???Capisco benissimo!!!Però io quando rientro al contrario di te parlo del lavoro perchè mi devo sfogare delle cose che non ho potuto dire in faccia ai clienti!

    RispondiElimina
  6. nooooo forza e coraggio, non sia mai che una giornata "no" ti tolga l'entusiasmo di partire!!! Capita a tutti un periodo così. Per alcuni è la normalità (purtroppo). Quando si interagisce con la gente si rischia di scaricare le pile mooooooolto in fretta: fai un bel respiro, arriva a fine giornata e parla di lavoro solo l'indomani! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  7. ti capisco
    però una volta in un bar una barista non mi ha servito finchè non le ho detto buongiorno.cioè le ho chiesto sorridendo e gentilmente:'un caffè' ' e lei mi ha detto ' eh non si saluta? ' ............
    ma ti capisco perchè vedo tante scene di maleducati

    RispondiElimina
  8. Come ti capisco. Lavorare in un negozio è molto faticoso, specialmente quando è anche un centro assistenza o un posto dove i clienti possono venire a lamentarsi per qualsiasi cosa che non quasi mia colpa tua.
    Lavoravo in biblioteca, ma anche li, non erano gli utenti ma i colleghi che erano peggio che serpi velenose, per cui mi sa che non c'è salvezza. Spero che ti ritorni l'entusiasmo per il viaggio.
    Lo sfondo con i fiori e proprio bellino!

    RispondiElimina

  9. Un anno - tra semestri universitari - Ho lavorato in un negozio di giocattoli di grandi dimensioni prima di Natale. Con il tempo di Natale è arrivato, se Babbo Natale fosse realmente visitato, probabilmente avrei picchiato con un bastone! :)

    Le persone possono essere scortese - non ci sono dubbi.



    RispondiElimina
  10. no guarda! le ferie a londra non possono non farti essere felice!
    sei solo stanca, vedrai che l'ultimo giorno di lavoro andrà meglio.
    ps: anche io ho fatto la commessa e volendo un libro lo potrei scrivere sulle tipologie dei clienti...allucinanti!

    RispondiElimina
  11. Hai perfettamente ragione. Quello che manca oggi è il rispetto. Siamo talmente prevenuti che non ci rendiamo conto di diventare arroganti. Condivido pienamente quello che hai scritto escluso che non ti stai gustando l'aspettativa di Londra.
    A presto.

    RispondiElimina
  12. Leggo che molti vivono sulla loro pelle quello che ho scritto e viverlo ogni giorno non è proprio divertente.
    Magari ora quando entrate in un negozio vi "presentate" in modo migliore. Le persone educate sono le mie preferite...

    RispondiElimina
  13. ti seguo e spero ricambierai...
    http://www.5minutiearrivo.com

    RispondiElimina
  14. Forse è l'autunno che ti deprime, ma reagisci. Tutto non può essere negativo e se sei ridotta come il cane della foto, è veramente meglio di prendere una vacanza a Londra. Aspettiamo le relative foto. Buon viaggio ed un caro saluto.
    PS - Ti sei veramente sfogata alla Biennale. Complimenti.

    RispondiElimina
  15. @Martina: anche tu fai un bel lavoro a contatto col pubblico! Io stessa quando vado nei negozi sono un po' timorosa, non so mai se è la giornata giusta o sbagliata della commessa. Anche io ho paura delle commesse avvoltoio!

    RispondiElimina
  16. @Queen: Tutto il mono è paese....

    RispondiElimina
  17. @laCRi: ecco, un tempo il cliente aveva sempre ragione, ora no. Quello che mi irrita è la persona che ti fa domande poi no ti ascolta rispondere perche' sa gia' tutto. Allora perche' me lo chiedi?

    RispondiElimina
  18. @Elio: sicuramente è anche colpa del cambio stagione, Londra mi dara' una super carica fino al prossimo anno. Le foto saranno numerose e spero bellissime! Un salutone anche a te!

    RispondiElimina
  19. @Lens: ti aspetto a braccia aperte!

    RispondiElimina
  20. Anonimo22/9/14

    Ciao,
    ti chiedo per favore di rimuovere il commento a nome "Martina Benini" e il commento stesso con cui invio la richiesta.

    Grazie

    RispondiElimina